Ego Filosofia:
HOME
IL GIORNALE EGO

leggi il giornale EGO:
numero ZERO

2003:
numero 1
numero 2
numero 3-4
numero 5-6-7
numero 8

2004:
numero 1
numero 2
numero 3
numero 4
numero 5-6-7
numero 8-9-10-11
numero 12

2005:
numero 1-2
numero 3
numero 4
numero 5
numero 6-7-8-9
numero 10
numero 11
numero 12

2006:
numero 2
numero 3
numero 4-5
numero 6-7-8-9
numero 10-11
numero 12 

2007:
numero 1
numero 2
numero 3
numero 4-5-6-7
numero 9-10-11
numero 12

2008:
numero 1
numero 2-3
numero 4-5-6
numero 7

2009:
numero 1
numero 2-8
numero 9

2010:
numero 10

2011:
numero 1
numero 2

2012:
numero 1

2013:
numero 1
numero 2
numero 3

2014:
numero 1
numero 2
numero 3

2015:
numero 1
numero 2
numero 3

2016:
numero 1

2017:
numero 1
numero 2
numero 3
numero 4

2018:
numero 1

 

Ego - il giornale
Periodico di Informazione Culturale e di Ricerca Filosofica

Direzione, Redazione, Amministrazione: Via Reano, 1 bis - 10147 Torino - Tel e fax 011 3853793
Direttore Responsabile: Carla Orfano - Autorizzazione Tribunale di Torino n° 5671 del 13/02/2003

         N° 4  anno 16° - Dicembre 2017 - Gennaio 2018    

PAGINA 1 

   "Durante il Natale ci viene ricordato il nostro scopo,    
    che e' quello di privarci della nostra vita per amore"    

Abbè Pierre


Sono con la mia nipotina, una coscienza pulita come tutti i bimbi. 
Sono fogli bianchi e l'uomo gli può scrivere ciò che vuole.

 

Le onde dell'amore
Nessuna scuola insegna 
come fare evolvere la coscienza

di Carla Orfano De Rolandis

La vita su questa terra la troviamo ovunque. Il seme tenuto per un anno nel sacco, lo si pianta nel terreno e germoglia. Oppure lo mettiamo a bagno nell'acqua e poi lo si fa bollire e dà proteine a chi si nutre di esso.
Tutto il Creato esiste attraverso un ordine di energie, tutto è movimento.
Quando un cane abbaia emette un suono, ed è un' onda.
Quando un essere umano parla emette un suono, ed è un'onda.
La musica è un insieme di alti e bassi, e sono onde.
Nello spazio c'è musica, e sono onde.
Ogni rumore lascia un segno nello spazio, tutto è ordine; come nell'autostrada esistono le righe bianche per aiutare l'uomo nel guidare l'auto. Una infinità di onde o vibrazioni si muovono nell'etere e sulla terra, intendo ove camminiamo ogni giorno, ignari di tanto splendore. I fiori che sbocciano, la frutta per noi, il cielo azzurro, le stelle. Tutto attorno a noi è meraviglia!
Nascono i bimbi, che stupore nell'osservare una vita che prende forma nel grembo di una donna. Tutto si forma attraverso energie che si uniscono per mantenere la vitalità. Quando incontriamo una persona e si prova una energia, che attira una simpatia o comunione: sono tutte energie di vita. 
Queste energie hanno una loro dinamica, una loro espressione di continuità, una armonia. Questa si espande in tutto il creato e quando l' uomo sente anche un po' di questo equilibrio, arriva spontaneo: esce dall'onda del nostro cuore, un'onda di ringraziamento che ci fà sentire in unione col "Creatore". Tutto ciò che ci circonda è Lui.
Esistono altre tipi di onde: il pensiero che fa l'uomo. Purtroppo, osservando il nostro Pianeta possiamo dedurre che egli non vive il ringraziamento della vita. L'uomo è in grado di creare onde che sono l'opposto di quelle del Creatore. L'uomo ha creato l'onda dell'invidia, l'onda della competizione, l'onda dell'odio, l'onda del finto amore, l'onda dell'ipocrisia, l'onda dell'interesse, l'onda del potere, l'onda del prevaricare, l'onda della violenza e molte altre. Queste onde sono i pensieri che l'uomo, per sua ignoranza nel conoscere se stesso ha creato ed ha identificato la propria esistenza in essi.
Le onde che oggi l'uomo emette non possono unirsi e fondersi a quelle del Creatore.
Queste non sono incanalate nelle strisce bianche come quelle dell'autostrada per aiutare l'uomo nella guida dell'auto.
Queste onde tengono l'uomo prigioniero e cieco, non gli fanno vedere la vera armonia del creato. L'uomo si dovrebbe svegliare da questa falsità, è prigioniero di se stesso, delle sue creazioni di onde negative. Osservando possiamo vedere che questa Terra oggi non é il "Paradiso Terrestre".
Non occorre morire per finire nell'inferno.
Normalmente si pensa che la tecnologia sia un bene per far evolvere l'uomo. 
Essa è un aiuto per aiutare l'uomo nella velocità di trasmettere una comunicazione. Ma anche lì non sempre vive l'onda del rispetto!
L'uomo ha realizzato tante cose utili per tutti, ma poi le vive con abitudine e perdono il loro valore.
Non sappiamo godere di noi stessi. L'uomo è sempre invidioso di ciò che possiede un altro uomo. Nessuno invidia Dio. Perché?? C'è da domandarselo.
Quasi nessuno pensa di far conoscere la coscienza, spiegare cos'è, spiegare che è l'unico modo per portare l'uomo nel giusto cammino.
L'evoluzione dell'essere umano è dentro se stesso. 
Ne nascerebbe il rispetto per ogni cosa, le onde del suo pensiero entrerebbero in sintonia con le onde dell'armonia, con le onde del cuore di ogni uomo, e ci sarebbe la pace. 
"Le onde dell'amore".

 

E G O
Centro Culturale di Ricerca Filosofica

via Reano 1/bis - 10141  Torino
tel. e fax +39 011 3853793 
e-mail  ego@egofilosofia.it 

- Ego ©2002-2017

torna alla home page

sali ad inizio pagina