Ego Filosofia:
HOME
IL GIORNALE EGO

leggi il giornale EGO:
numero ZERO

2003:
numero 1
numero 2
numero 3-4
numero 5-6-7
numero 8

2004:
numero 1
numero 2
numero 3
numero 4
numero 5-6-7
numero 8-9-10-11
numero 12

2005:
numero 1-2
numero 3
numero 4
numero 5
numero 6-7-8-9
numero 10
numero 11
numero 12

2006:
numero 2
numero 3
numero 4-5
numero 6-7-8-9
numero 10-11
numero 12 

2007:
numero 1
numero 2
numero 3
numero 4-5-6-7
numero 9-10-11
numero 12

2008:
numero 1
numero 2-3
numero 4-5-6
numero 7

2009:
numero 1
numero 2-8
numero 9

2010:
numero 10

2011:
numero 1
numero 2

2012:
numero 1

2013:
numero 1
numero 2
numero 3

2014:
numero 1
numero 2
numero 3

2015:
numero 1
numero 2
numero 3

2016:
numero 1

2017:
numero 1
numero 2
numero 3
numero 4

2018:
numero 1
numero 2

2019:
numero 1

 

 

Ego - il giornale
Periodico di Informazione Culturale e di Ricerca Filosofica

Direzione, Redazione, Amministrazione: Via Reano, 1 bis - 10147 Torino - Tel e fax 011 3853793
Direttore Responsabile: Carla Orfano - Autorizzazione Tribunale di Torino n° 5671 del 13/02/2003

N° 1  anno 18° - Maggio 2019

PAGINA 1 

   "Il tuo lavoro è quello di scoprire il tuo mondo   
e poi con tutto il cuore darti ad esso"    

Buddha

Ciò che accade 
sta rubando spazio all'amore
 

il nostro lavoro 

     di Carla Orfano De Rolandis



Nella nostra associazione di ricerca filosofica EGO, gli incontri sono basati tutti sull’evoluzione dell’essere umano. Il nostro unico scopo è conoscere se stessi, cosa non facile, lo sappiamo, perché l’uomo guarda sempre fuori altrove e non si rende conto che nell’altro ciò che vede quasi sempre appartiene a se stesso. 
Rispettiamo il pensiero di ogni persona. 
La cosa importante è che tutti noi scopriamo, lavorando nel conoscerci, che la parte profonda c’è all’interno dell’uomo e malgrado la crisi di valori esistente in questo storico periodo, noi sentiamo la verità della vita, non ci scoraggiamo.
Abbiamo i nostri risultati, scavati nel profondo del nostro essere che quotidianamente ci danno la consapevolezza che per l’uomo “dovrebbe essere un dovere comprendere se stesso”. 
Chiedersi come inizio: il perché esisto, cosa sono, chi sono, che senso ha l’essere nato su questa terra, cosa sono in grado di fare, di esprimere, di provare!.
Purtroppo nel tempo certi valori sfumano e vengono sostituiti con le necessità che i tempi ci portano, ma non sempre essi sono giusti per l’evoluzione umana. L’uomo si sta perdendo in tutto ciò che è all’esterno di se stesso; pochi stanno in sé, a godere l’armonia, l’amore che può scaturire dall’interno di ognuno di noi. Solo così può nascere “il rispetto” che si trasforma in comprensione ed amore. Oggi tutto ciò che accade nel mondo, se lo sappiamo osservare, sta rubando spazio all’amore, unico senso della vita. Ci sono troppi salti di non continuità ove ogni parola, ogni insegnamento è stato smarrito per strada. 
Quando da bambini, abbiamo imparato l’alfabeto, è servito per saper leggere A.B.C.D.E.F. ecc ecc.
Se in una parola saltiamo una lettera, perché non l’abbiamo imparata non possiamo dire di saper leggere la parola con il giusto significato. Esempio: gioia, cantare, campagna, Antonio, Mafalda ecc… se non conosciamo anche solo una di queste lettere non potremmo mai leggere la parola con il giusto valore!.
Voglio dire che nel percorso di consapevolezza se saltiamo un gradino, cioè uno spazio non vissuto, la vita ci riporterà indietro a viverlo. Mancherebbe un pezzo di conoscenza che viene solo dall’esperienza. Per questo è basilare che la nostra esistenza divenga completezza, verità ed amore.
L’evoluzione dell’uomo deve essere armonia come lo è il creato, e noi ne facciamo parte. Dovremmo integrarci con esso.



 

E G O
Centro Culturale di Ricerca Filosofica

via Reano 1/bis - 10141  Torino
tel. e fax +39 011 3853793 
e-mail  ego@egofilosofia.it 

- Ego ©2002-2019

torna alla home page

sali ad inizio pagina